Login
 
_i bambini sono luce
_bambino che indica la luce
 
meta
_Il mio diario del parlare materno

18 giugno 2006

Tra tutte le nenie del Natale quella che amo di più è quella che esprime tutta la gioia e la meraviglia i vedere il bambino Gesù appena nato. Il canto che ho sentito ancora oggi intonare alle donne in certe chiese di Biancavilla, è la rappresentazione più autentica del parlare materno: infatti si intuisce che una donna si avvicina al piccolo Gesù con un atteggiamento famigliare e nelle parole da essa usate si intuisce la sua gioia, la stessa che riesce a suscitare la vista di un neonato tanto amato. Il verso va assaporato inizialmente nel proprio intimo lasciandosi trasportare dal suo ritmo allegro e dalla sua incantevole musicalità.

Sciii, cca beddu stu Bamminu!

Quant’è duci, quant’è finu!

Ni li vrazza lu vurria,

datimmillu Matruzza mia!

Bammineddu vo balla, vo balla,

tuttu lu chianu è tuttu lu to’.

Unni posi lu ta piruzzu

Nesci n’ pedi di bascilicò.

Ni cugghiemu na pampanedda

Ccia damu a la Matri Bedda.

Matri Bedda nan ni voli

Ccia damu a Sant’Antoni.

Sant’Antoni è supra u’ vancu

Viva, viva lu Spiritu Santu!

U’ Spiritu Santu è ‘nginucchiuni

Viva, viva Nostru Signuri

Nostru Signuri è tantu beddu,

viva, viva l’angileddu.

L’angileddu è ppi la via

Va cantannu a litania.

A litania è cantata

A Maria Cuncetta ‘Mmaculata.

A ‘Mmaculata è ‘n paradisu

Ni mangiamu i favi ccu risu.

Bammineddu picciriddu,

lu ma cori lu voli iddu;

Iddu chiangi ca lu voli,

Bammineddu robbacori.

Bammineddu v’aiu amari

U ma cori vi vogghiu dari,

ni facemu na cammaredda,

tutti dui ci amu a stari.

Vi salutu bon vicchiareddu

E a vui Bedda Signura,

vu ca aviti stu figghiu beddu

vi fazzu a ‘mmanura.

Vorrei sottolineare la bellezza di quello "scii" iniziale, che esprime da solo la meraviglia: è un grido di gioia e di stupore allo stesso tempo. Quanto commuove l’immagine di questo bambino, che s’immagina danzante, anzi, saltellante; un bambino giocoso, allegro e vivace. E quanto mi piace questo suo piedino capace di far nascere una piantina profumata, come il basilico, al suo passaggio. Nella simbologia popolare il basilico rappresenta "l’amore che viene ricambiato". Quindi il fatto che il bimbo Gesù sia capace di far nascere questa pianta dove poggia il suo piede, significa appunto che il mondo a contatto con lui non rimane inerte, ma ricambia il suo amore.

Il bambino, si dice, vuole essere amato, piange perché vuole il nostro cuore, è un rubacuori. Come i nostri figli, come tutti i bambini che amiamo, siano essi nipoti, cuginetti o semplici amici, i bambini che vediamo per strada, sono tutti dei rubacuori. E il canto, facendo del bimbo Gesù il simbolo di tutta l’infanzia, ci ricorda che noi dobbiamo amarli.

Oggi ho preso in braccio il mio piccolino e sollevandolo dolcemente su e giù, gli ho cantato: Bammineddu vo balla, vo balla,/tuttu lu chianu è tuttu lu to’./Unni posi lu ta piruzzu/Nesci n’ pedi di bascilicò. E le sue risate hanno riempito il mio cuore.

Più tardi, nel silenzio della sera, un sentimento di profonda gratitudine ha cullato il mio animo; l’ho ritrovato inaspettatamente, vecchio fazzoletto bianco, smarrito da tempo tra le acque cangianti della vita. Ho lasciato docilmente che affiorasse. Ne ho fatto una miniatura di lenzuolo su cui trascriverò ogni giorno il nome di un bambino.

Ritorna al Sommario del Diario

Copyright (c) 2000-2010