Login
 
_vocal wind

capelli al vento.jpg

Il vento delle voci materne raggiunge il nostro spirito più profondo e lo innalza.

_bimba sognante
_Rebecca
I pensieri dei bambini/ amano voli quieti trasparenti/ chiari di luna dolci ascendenti/ cristalline acque veraci spumeggianti./ In alto ardono le loro comete erranti/ scintillano favole stelle cantanti/ anime di cieli e di ciglia sognanti/ nascite nuove di soli mancanti./ Benda ora poso su lingua sciocca,/ Riposa per mille stagioni mia bocca/ risorga infinita la bellezza silente/ bimba, libero soffio di libera mente./ Alfia Milazzo
_gli occhi di un bimbo
_occhi sorridenti
Quando gli occhi di un bambino vengono al mondo…/ Non c’è parola che lo descriva fino in fondo:/ Le palpebre son sipari spauriti e innocenti, / dalle materne cavità acquatiche emergenti,/ e si levano d’un tratto tremanti,/ scosse da venti potenti / piccoli veli sgomenti./ Mostrano increduli pupille,/ vinta la nascita tra dubbi e faville,/ immenso stupore le colora fulgente/ iridi di fuoco divino nascente./ Poesia di luce li riempie infinita/ L’inesauribile semplicità della vita./ S’alza vibrando dal pianeta visibile,/ l’aurora lattea del dono invisibile/ Felice l’eco di ninne, di culle, di dolci nidi/ amor di amati canti e ancor più amati lidi:/ Figghiu beddu e picciriddu,/ Di stu cori ardenti sciamma/ veni in vrazzu a la to’ mamma/ Alfia Milazzo
_canti di partorienti

Le voglie

 

Comu gravida donna chi disia

Frutti ch’a chiddu tempu nun ci su

Si tocca a un puntu cu dda fantasia

Passatuun pocu nun ci pensa cchiu.

Nasci lu partu cu zoccu vulia

Sigta appuntu unni stuccatu fu

Ccussi fu iu, chi disiannu a tia

Uccai stu cori , e ci arristasti tu.

 

Maschio o femmina?

Panza pizzutedda, figghiu masculu.

 

Venti e suli masculuni

 

Duluri di anca

Fa figghia janca.

 

Scongiuri per la salute del feto

Sett’anni fu la meravigghia

Né pi mia, né pi mè figghia

E mancu pi li figghi di mè figghia!

L’ariu è chiaru e nutricu di nettu

Lu mè viddicu senza difettu!

 

Lassu lu focu ardenti e succurri li parturienti

 

Preghiere e Invocazioni

 

A  vui preu, Vergini Maria

Di mettiri l’occhiu a la via

A vui preu, Santu Raumunnu,

Datici un partu drittu e tunnu;

A vui preu, San Vincenzu Firreri,

Dari la testa e dari li peri.

 

Sant Maria matri di Diu

Chista è l’ura di lu partu miu;

Matri Santa, nun mi lassati,

‘Ntra stu tempiu di nicissitati;

Pirchì, Matri la vostra ducizza,

‘Ntra stu partu mi duna furtizza;

Matri Santa, la vostra assistenza

‘Ntra stu tempiu mi duna pacenza.

 

Il parto

Nesci nesci cosa fitenti

Ca lu cumanna Diu ‘nniputenti.

Ti lu cumanna la Tirnitati

Nun sì robba di cristiani vattiati.

 

La nascita

Ogni nasu stà beddu a la so facci.

 

Lu pilusu

E’ bonu vinturusu.

 

E’ femmina, che guaio!?!

 

Cui bona reda voli fari

Di figghia fimmina havi a’ ccumminciari.

 

‘Na figghia fimminedda,

stà bona a la puviredda.

 

‘Na figghia fimmina

Stà bona anchi a ‘na zingara.

 

Figghi fimmini, pruvvidenza

 

Sia omu, e sia orvu d’un occhiu!

 

Favi favuzzi,

ch’hannu niuri li ‘uccuzzi!

E viniti cc lu suli,

ca la menza è priparata;

E facièmuci anuri

A lu figghiu/figghia e a la figghiata!

 

(testi raccolti da Pitrè)

 
meta
_le mie ninne nanne

Ho scritto questa ninna nanna pensando alla nascita di mio figlio Federico. Avevo letto Leboyer, "Per una nascita senza violenza", e mi aveva colpito la descrizione dell'attimo in cui il bambino respira per la prima volta e dell'indicibile sofferenza che questo fatto gli provoca. Alla respirazione e al primo riconoscimento della voce materna che avviene, si può dire, nello stesso istante, alla nascita, ho voluto dedicare questo canto.

 

Ninna nanna del bimbo che nasce

Ninna nanna dei tuoi pianti

di vita gemi, sbuffi e canti.

 

Freschezza dura l’aria alla bocca

Vuole te, t’invade, ti tocca.

 

Ninna nanna che respira

già fa vela, il vento tira.

 

Respira piano nel profondo

Tra te e l’intorno un girotondo.

 

Mentre ti chiamo tu m’ascolti

E gli occhi a me d’un tratto volti.

 

Sei tu, sei qui, mia carne mio bambino

Nel mondo s’accende ora un sorrisino.

 

La leggenda del Pesce Luna

La storia del Pesce Luna da me inventata, è ispirata al passaggio del bambino da un'idea di sè come un tutt'uno con il corpo materno (il pesce-Luna si crede parte della Luna) a una rappresentazione del proprio corpo separato da quello della madre. Questa separazione, che la psicopedagogista Dolto identifica con il momento in cui il bambino si guarda allo specchio e si riconosce come diverso dalla madre (intorno ai 6 mesi di età), assume i tratti di una "morte" di sè e perciò è un evento lacerante per il bambino, anche se del tutto naturale. Il bambino comincerà a scoprire il proprio corpo utilizzando tutti i sensi, ciucciandosi le mani, i piedi, studiando ogni parte di se stesso. Da qui in poi costruirà un'immagine biologica del proprio corpo, alla quale farà riferimento quando penserà a ciò che gli altri vedono di lui.

Luna di notte faro celeste/

Con velo di sposa il mare ti veste/

Bacia tremante la tua fronte bianca/

E di amarti mai più si stanca/

Un pesce nasce dal grembo lunare/

Argentea forma nel verdemare/

Pesce Luna ti chiaman le genti/

Leggenda di fate e sirene ridenti/

Dall’altra sua notte, la materna voce,/

di quiete e di sogno perenne nutrice,

ti stringe al seno in un lino di luce,/

il tuo mondo in lei si specchia felice./

Cresce il vento e l’onda pian piano,/

in mare solitario voga un marinaio/

Vede nel buio la tua pinna dorsale

simile a lama di squalo gli pare/

Con fiocina sicura ti colpisce

E di mortale taglio ti ferisce./

Muori pesce Luna, senza fortuna/

amato figlio della madre Luna/

Il tuo corpo inerme giace sulla sabbia/

lo accarezza un bimbo accorso sulla spiaggia./

C’era un Pesce Luna, diremo, e c’era un piccolino./

Ora c’è solo un uomo nel cuore di un bambino.

Alfia Milazzo

Copyright (c) 2000-2010